Come pulire le zanzariere senza smontarle

Ultimo aggiornamento: 19.04.21

 

Sono accessori estremamente utili durante l’estate per tenere lontano gli insetti. Scopriamo insieme come tenerle pulite ed evitare l’accumulo di polvere.

 

Se state cercando alternative su come pulire le zanzariere senza smontarle, in questo articolo potrete trovare la soluzione. Si tratta di un oggetto molto importante che tutti prima o poi decidono di acquistare per tenere lontani gli insetti. D’estate infatti, ma anche durante l’inizio della primavera e in autunno, molti piccoli esserini come per esempio le cimici, tendono a ripararsi in casa poiché ambienti caldi e umidi.

Chi abita in campagna potrebbe ricevere la visita di topolini e lucertole, portatori di malattie e non certo graditi. Gli amanti dei gatti invece, scelgono di montare delle reti protettive che oltre a tenere lontane gli insetti impediscono ai felini dall’animo esploratore di cadere giù. Si tratta purtroppo di un evento molto frequente e per questo motivo la maggior parte delle associazioni animaliste obbligano i futuri adottanti ad acquistare delle zanzariere specifiche antigraffio, come quelle in fibra di vetro o in alluminio.

Esistono varie tipologie di installazioni, tuttavia, gran parte del processo di pulizia dipenderà dalla qualità del telaio e della rete. Per esempio, una zanzariera da pochi euro, dunque molto sottile, è davvero difficile da poter detergere se non con metodi delicati, poiché potrebbe rompersi o staccarsi dalla cornice della finestra. Molte aziende consigliano l’acquisto di un accessorio specifico, che tuttavia non si rivela efficace su alcuni modelli, né tantomeno igienizzante quanto un pulitore a vapore, in grado di eliminare germi e batteri. Scopriamo insieme come pulire le zanzariere adoperando ciò che avete in casa, spendendo poco e ottenendo comunque ottimi risultati.

La pulizia delle zanzariere fisse

Per quanto riguarda i modelli in alluminio o PVC, dunque più resistenti, è possibile adoperare qualsiasi accessorio a vostra disposizione. Per rimuovere il polline e la polvere è possibile utilizzare semplicemente una bomboletta ad aria compressa, da spruzzare lungo tutte le guide e infine sulla rete. Le tele rigide si possono anche lavare con l’aiuto di un panno in microfibra imbevuto di una soluzione di acqua e alcol oppure detersivo per i piatti, per il quale però sarà necessario un accurato risciacquo.

Se avete a disposizione un sistema a vapore casalingo sarà ancora più facile: montate lo stesso attrezzo per pulire le tapparelle e le persiane, in modo tale da rimuovere più efficacemente i germi e i batteri. Tuttavia, prima di effettuare tale operazione è consigliabile eliminare prima l’eccesso di polvere. Per quanto riguarda le zanzariere fisse in tessuto o in fibra più delicata, è consigliabile servirsi di alternative più delicati e non a caldo, poiché la temperatura elevata potrebbe rovinare la tela.

 

Come pulire la zanzariera plissettata

Si tratta di una delle installazioni sicuramente più belle e particolari a vedersi, ma anche molto delicate e che necessitano di particolare attenzione durante la pulizia. Ciò che rende l’operazione difficile è la presenza di tante piccole pieghe nella rete, che causano un maggiore accumulo di polvere e polline.

Per questo motivo, è consigliabile posizionare una sottile tavola di legno o del cartone nella parte posteriore, magari inserendola e bloccandola all’interno del binario, ed effettuare la manutenzione con un aspirapolvere dotato di bocchetta con le setole morbide, oppure un pennello.

Come pulire le zanzariere a rullo

Quando si tratta di installazioni scorrevoli è importante valutare la qualità del materiale utilizzato per le reti: quelle in tessuto sono davvero molto delicate, ed è necessario prestare molta attenzione durante la pulizia.

L’ideale sarebbe adoperare una bomboletta ad aria compressa oppure un aspirapolvere, in modo tale che i pollini e i residui di smog vengano spazzati via. Il lavaggio invece è più difficile da effettuare, proprio a causa della debolezza della tela: per questo motivo, è preferibile effettuare la pulizia delle zanzariere a rullo periodicamente e più volte all’anno, in modo tale che la polvere non si accumuli eccessivamente.

Per i modelli provvisti di rete in fibra di vetro è invece possibile sperimentare diverse tecniche naturali, come per esempio soluzioni a base di acqua calda e aceto di vino bianco, in grado di sgrassare anche il telaio senza danneggiarlo.

Se invece preferite una tecnica che consente di effettuare una pulizia ancora più profonda, è possibile adoperare un sistema a vapore utilizzando l’apposita bocchetta. In alternativa, vi consigliamo di acquistare un pulisci zanzariere, dotato di un piccolo rastrello da un lato, che servirà a liberare i buchi della tela dalla sporcizia, e dall’altro una spugna per lavare accuratamente.

 

Sostituzione della rete

Anche se nella maggior parte dei casi non è necessario ai fini della pulizia, vi illustriamo di seguito come si smonta una zanzariera avvolgibile. Se la tela della vostra struttura è ormai logora, non rientra nelle guide ed è piena di buchi, molto probabilmente è giunto il momento di cambiarle. Per fortuna l’acquisto delle reti non è così dispendioso, soprattutto se l’installazione è avvenuta a regola d’arte e il telaio è ancora utilizzabile.

Innanzitutto è necessario smontare la zanzariera rotta, in modo tale da riuscire a prendere le misure per comprare quella nuova. Svitate delicatamente i binari posti in alto e in basso alla struttura, ovvero quelli su cui scorre la tela: non preoccupatevi, sarà molto semplice riposizionarli.

Effettuate la stessa operazione dove si trova il contenitore in cui è presente il rullo, adagiatelo su su un ripiano orizzontale e facendo attenzione alla molla interna che potrebbe scattare, togliete le tre viti poste ai due estremi e girate il tappo fino a quando il congegno non sarà scarico. A questo punto estraete la zanzariera dal suo involucro facendo scorrere la guida verso uno dei due lati: stendetela per bene sul pavimento e prendete le misure precise per l’acquisto della nuova rete.

Staccate delicatamente quest’ultima dalla bacchetta in alluminio e con l’ausilio di una pistola per silicone o una colla universale attaccate quella appena acquistata. Lasciate asciugare per almeno 24 ore, infine, riponete il rotolo all’interno del contenitore e avvitate entrambi i coperchi. Effettuate lo stesso procedimento con l’altra guida collegata alla vecchia zanzariera, ricaricate la molla con l’aiuto di una brugola girando in senso antiorario e infine montate nuovamente tutti  pezzi del telaio lungo il bordo della finestra.

 

Sottoscrivere
Notifica di
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments