5 consigli su come pulire e disinfettare i condizionatori

Ultimo aggiornamento: 28.10.21

 

Perché è importante che il condizionatore sia pulito? Semplice: respirare aria pulita è fondamentale. Ecco alcuni suggerimenti su come disinfettarlo e sanificarlo.

 

Quando il caldo si avvicina tra i primi obiettivi c’è sicuramente quello di correre al mare o in montagna, per rinfrescarsi e per non patire la calura della città. Ma al secondo posto dei pensieri di ognuno di noi c’è anche quello di poter usufruire del condizionatore per trasformare la temperatura vulcanica della propria stanza in quella di un igloo. Anche se esistono diversi modi, considerati anche più ecologici e salutari, come aprire semplicemente le finestre e abbassare le tapparelle per bloccare l’entrata dei raggi solari, bisogna ammettere che nulla sostituisce questo elettrodomestico.

Ma come pulire il condizionatore e soprattutto i filtri? Come si fa a evitare che virus e batteri circolino nella nostra abitazione come bambini al parco? Il segreto non così occulto è, per l’appunto, quello di adoperarsi di pazienza, ritagliarsi un po’ di tempo e usare gli strumenti giusti. Oggi più che mai non si può mettere in secondo piano la sanificazione e la pulizia di un condizionatore.

Anche perché, ammettiamolo, la manutenzione non comporta sforzi eccessivi ed è anche a portata di tutti, perciò niente scuse: il momento di cambiare il filtro dell’aria condizionata è arrivato e non bisogna farsi trovare impreparati. Arrivati a questo punto potreste anche chiedervi “ho capito l’importanza, ma come faccio a eseguire una sanificazione fai da te?”.

Una domanda legittima che richiede una risposta concisa: seguiteci con la lettura dei nostri suggerimenti nei paragrafi più giù!

Da dove cominciare

Se state valutando di acquistare un nuovo condizionatore, è bene sapere che le pulizie vanno fatte sempre in un periodo preciso. Certo, in extremis dovrete farle a inizio estate, ma in linea generale è bene concedersi un po’ di tempo a fine stagione, quindi tra settembre e ottobre. Questo permetterà di evitare che la polvere e lo sporco di incrostino durante tutto l’inverno, cioè quando non utilizzate il condizionatore.

Ora, il primo consiglio è quello di preparare tutto, anche la cassetta degli attrezzi, assicurandovi che il climatizzatore sia spento dall’interruttore elettrico. Dopodiché, vi suggeriamo di controllare sia le griglie e sia i filtri, facendo attenzione anche allo stato del motore esterno se presente. Questa fase iniziale vi consente di capire qual è la situazione di partenza, quindi di programmare la manutenzione, la pulizia e la disinfezione adeguata.

In aggiunta, controllate lo stato dell’appoggio, perché se è a contatto con l’aria potrebbe rovinarsi e far cadere il vostro condizionatore. Valutate anche di recuperare dei bidoni aspiratutto che vi aiuteranno a non fare avanti e indietro dal cestino con la spazzatura piena di polvere.

 

Filtri e superfici: split condizionatore

Chi non è pratico con questo genere di operazioni avrà senz’altro bisogno di leggere il libretto delle istruzioni per scoprire come pulire i filtri del condizionatore. Questo perché uno dei consigli principali è proprio quello di vedere subito dove si trovano, e quindi di sbloccarli. Si tratta di griglie generalmente realizzate in plastica che sono anche semplici da pulire, perché potrete usare solo acqua tiepida con un po’ di sapone neutro (anche il detersivo per i piatti andrà bene).

Dopo esservi assicurati che siano ben puliti, dovrete asciugarli scrupolosamente all’aria; gli stessi accorgimenti dovrete anche averli anche per le altre parti e superfici. Oltre alla pulizia dei filtri del condizionatore è importante anche dare un’occhiata agli altri componenti dello split, che si trovano non appena aprite il coperchio in plastica. In ogni caso preferite sempre panni in microfibra, avendo cura di togliere prima la polvere, altrimenti verrà sparata ovunque non appena accendete il dispositivo.

Usare i prodotti giusti

Oggigiorno non è più difficile trovare un igienizzante per condizionatori: basta un clic, anche mentre si è seduti comodamente sul divano. Ma vi siete mai chiesti se questi sono veramente necessari? In effetti, sono molte le persone che preferiscono adottare soluzioni più sostenibili.

In genere, i prodotti che si possono trovare in vendita e che aiutano a disinfettare anche gli split dell’aria condizionata possono avere principi attivi biocidi riconosciuti dal Ministero della Salute, oppure solo soluzioni di alcol profumate. Questi però sono pensati soprattutto per un uso professionale e industriale, anche se vengono messi a disposizione di chi li usa a livello casalingo. Infatti, difficilmente in casa avremo 50 condizionatori diversi che necessitano di attenzioni particolari.

Proprio per questo, vi suggeriamo di optare per soluzioni semplici come acqua e sapone oppure scegliere il miglior igienizzante per condizionatori, ossia quello più funzionale e conveniente.

 

Pulizia del motore esterno

In tutto questo è fondamentale sapere che deve essere ben pulita anche la parte del condizionatore che rimane fuori, sul balcone. Essendo all’esterno è normale che prenda più polvere: gli agenti atmosferici, poi, non aiutano certamente. Ecco perché conviene munirsi di spazzola per pulire la superficie esterna, magari usando anche uno sgrassatore universale qualora sia necessario.

Dopodiché, controllate che la griglia sia in buona condizioni, e se è molto sporca allora usare un aspirapolvere oppure smontatela e adoperate un phon ad aria fredda. Ecco come pulire il condizionatore esterno: l’obiettivo è che funzioni senza incontrare ostacoli, perciò se è eccessivamente sporco chiamate un professionista.

Manutenzione periodica

In conclusione è bene specificare che qualsiasi modalità scegliate di impiegare per la pulizia e disinfezione del vostro condizionatore, questo non può prescindere da una manutenzione periodica. Infatti, non bisogna ridursi all’ultimo per poter eliminare polvere, sporco, batteri e virus, altrimenti si rischia di non fare tutto come si deve e di spendere soldi e tempo inutilmente.

Per questa ragione vi consigliamo di far effettuare un controllo ogni quattro mesi prima della stagione estiva, arrivando a giugno senza problema e con il condizionatore pulito. Potrebbe essere utile chiedere consiglio a un professionista circa la modalità di manutenzione migliore, così eviterete di rompere o rovinare componenti importanti come lo split.

 

 

Vuoi saperne di più? Scrivici!

0 COMMENTI