Gli 8 migliori aspirapolvere portatili del 2020

Ultimo aggiornamento: 02.12.20

0

 

Aspirapolvere portatili – Opinioni, Analisi e Guida all’acquisto

 

Un qualsiasi aspirapolvere portatile vi permette di pulire in poco tempo e quasi ovunque, senza che dobbiate tirar fuori dal ripostiglio la scopa elettrica o l’aspirapolvere a traino. Efficaci sulla tovaglia, dopo aver mangiato, in auto o sui divani, soprattutto se vivete in compagnia di cani e gatti, sono disponibili in più versioni. Fra i modelli da noi trattati, ci hanno colpito in particolare l’aspirapolvere portatile Distianert Vacuum C-IT014, per la versatilità e l’ottima dotazione di accessori, l’aspirabriciole Hoover Jazz SM156WD4, ben costruito e dall’ottimo design, infine il battimaterasso elettrico Dibea UV-10 che, per chi tiene all’igiene anche nelle ore di sonno, si rivela ancora un elettrodomestico insostituibile. 

 

 

Tabella comparativa

 

Pregio
Difetto
Conclusione
Offerte

 

 

Gli 8 migliori aspirapolvere portatili – Classifica 2020 

 

Come approfondiremo più avanti, abbiamo trattato in questo lavoro di comparazione modelli appartenenti a tutte le categorie di aspirapolvere portatili oggi disponibili sul mercato. Lo scopo, se non sapete ancora come scegliere un buon aspirapolvere portatile, è quello di offrirvi il modello più indicato in funzione delle vostre specifiche esigenze.  

 

1. Distianert Vacuum C-IT014, aspirabriciole con accessori per solidi e liquidi e funzione soffiatore

 

È un prodotto molto versatile, un multifunzione di razza. L’aspirapolvere portatile Distianert può aspirare solidi e liquidi e, grazie alla funzione di soffiaggio, essere usato per riempire cuscini d’aria, braccioli, materassini e salvagenti per bambino. Sempre grazie alla possibilità di emettere aria con forza (non è però un dispositivo ad aria compressa), si rivela utile nella rimozione di polvere accumulata nelle fessure e negli spazi ristretti degli interni auto.

Se lo utilizzate per aspirare liquidi, fate tuttavia attenzione a non esagerare con le quantità e soprattutto a rimuovere, a lavare e a far asciugare il filtro Hepa dopo l’uso “a umido”. Un filtro bagnato limiterebbe fortemente la potenza aspirante del dispositivo nell’uso tradizionale a secco. L’aspirapolvere dispone di due velocità per valori di depressione pari a 4 e 7 kPa (kiloPascal) e una durata rispettiva di 25 e 30 minuti.

Il tempo necessario a una ricarica completa è invece di 2,5 ore. Bello dal punto di vista estetico, sfrutta materiali che, stando a quanto si apprende dai pareri espressi online, sono anche di buona qualità. Se vi state chiedendo quale aspirapolvere portatile comprare, il Distianert è la nostra risposta.       

 

Pro

Dotazione di accessori e funzione soffiatore: è uno dei pochi aspirapolvere portatili a includere nella propria dotazione anche un tubo flessibile, utile, in abbinamento alle piccole bocchette, nella pulizia degli interni auto. La funzione soffiatore è un altro plus da non trascurare.   

Buona autonomia e buona capacità aspirante: per un elettrodomestico tutto sommato economico, l’autonomia di circa 30 minuti e la buona potenza di aspirazione sono aspetti da apprezzare.   

 

Contro

Non ha una base di ricarica: forse è questo l’unico limite dell’aspirapolvere portatile Distianert che va ricaricato collegandolo semplicemente al suo caricabatteria (come se fosse uno smartphone). 

Clicca qui per vedere il prezzo

 

 

 

2. Hoover Jazz SM156WD4, aspirabriciole senza filo con accessori

 

Se acquistate l’aspirabriciole Hoover Jazz SM156WD4, avrete a disposizione, per la sua categoria di prodotto, uno dei migliori aspirapolvere portatili del 2020. Il giudizio, relativo all’ambito di utilizzo per il quale viene proposto, si basa sui pareri pubblicati online che descrivono l’aspirapolvere potente, abbastanza robusto e versatile.

Rispetto al modello Black+Decker, vanta un paio di accessori che ne consentono l’uso anche “lontano dai pasti”. Entrambi sono integrati ed estraibili dal corpo principale, in modo da essere sempre disponibili e a portata di mano. Trattasi di una lancia per le fughe che permette di aspirare, per esempio, fra le pieghe dei divani del salotto o dell’auto, e di una piccola spazzola a pennello che risultare comoda per aspirare le tende, i cuscini e gli imbottiti in generale.

La batteria ricaricabile è da 15,6 V, per una potenza di aspirazione degna di nota e un’autonomia è di 17 minuti (niente male se, oltre alla tavola, si vuole aspirare anche in altri punti della casa). 

 

Pro

Led indicatore del livello batteria: è un plus per un prodotto appartenente a questa categoria di prezzo. Potrete programmare i vostri interventi di pulizia senza rischiare di dover interrompere sul più bello. 

Può anche aspirare liquidi: l’aspirabriciole Hoover può esservi di aiuto anche nel caso in cui si versi dell’acqua a tavola o sul pavimento. Ricordate tuttavia che dopo aver aspirato dei liquidi, il filtro va lavato per bene e fatto asciugare (per almeno 24 ore).  

 

Contro

Tempi di ricarica molto lunghi: se l’autonomia di 17 minuti è un valore quasi record per questo genere di prodotto, le 16 ore necessarie a una ricarica completa lasciano davvero perplessi.  

Clicca qui per vedere il prezzo

 

 

 

3. Dibea UV-10, battimaterasso elettrico con luce UV per sanificazione

 

Proprietari di hotel e bed & breakfast, ma anche privati che tengono particolarmente all’igiene dei loro letti, troveranno nel battimaterasso ciclonico Dibea un valido alleato. È diverso dagli altri aspirapolvere portatili trattati in questa guida mercato, perché nasce per pulire esclusivamente materassi e superfici in tessuto piuttosto ampie e regolari. La forma non ne permetterebbe d’altronde un uso diverso. 

La sua azione non si limita alla sola rimozione di polvere, peli di animali e capelli, resa particolarmente efficace dalla spazzola motorizzata in setole nascosta dentro la testina di aspirazione. L’effetto igienizzante della lampada UV anti-acaro (da 9 watt e lunga 20 cm) ne accresce l’efficacia, facendo di questo speciale aspiratore portatile il prodotto ideale per i soggetti allergici.

L’essere inoltre alimentato da un cavo di corrente lungo 4,5 metri non vi costringe ad accelerare le pulizie per timore che si scarichi la batteria: potete battere i vostri materassi in tutta calma. Il filtro Hepa con trame da 0,3 micron purifica invece l’aria che viene nuovamente immessa nell’ambiente.   

 

Pro

Potente ed efficace: il motore da 300 watt genere una forza aspirante adeguata a rimuovere dai materassi la polvere, la pelle morta e i piccoli peli che con il tempo finiscono per accumularsi. 

Filtro Hepa lavabile: trattiene di tutto e non permette allo sporco aspirato dal materasso di finire nuovamente nell’ambiente. Il fatto che sia lavabile limita le sostituzioni nel tempo. 

 

Contro

Non va bene per pulire altrove: è un battimaterasso elettrico e come tale va trattato e acquistato. Non è adatto a pulire la tavola dopo pranzo né oggetti irregolari.  

Clicca qui per vedere il prezzo

 

 

 

4. Clatronic HS 2631, aspirapolvere portatile potente con filo e accessori

 

Vi piacciono gli elettrodomestici vintage? Quelli che badano più alla sostanza che alla forma? Bene, l’aspirapolvere portatile Clatronic è quello che state cercando. È un aspirapolvere a filo che non fa certo dell’estetica il suo punto di forza.

Però è un prodotto concreto, potente, venduto a prezzi bassi e insieme a una dotazione di accessori di tutto rispetto. Difficile trovarsi in situazioni in cui non si dimostri all’altezza di pulire. Di sicuro non può aspirare i pavimenti, ma se il vostro target sono le altre superfici di casa, non vi deluderà. Ha una sola velocità – e il solo pulsante On/Off – e un contenitore della polvere (non trasparente) da 0,8 litri.

Non è un aspirapolvere ciclonico, ma si affida a un semplice ma efficiente filtro in tessuto per proteggere il motore dalla polvere e dallo sporco aspirato. La presenza fra gli accessori di un tubo flessibile lo mette a suo agio rendendolo anche un aspirapolvere per auto.  

 

Pro

Cavo elettrico: ben 6 metri di filo, per l’aspirapolvere più economico della nostra comparazione, sono un plus da non sottovalutare. Non dovrete mai staccare e riattaccare la spina dalla corrente. 

Leggerezza, maneggevolezza e dotazione di accessori: pesa solo 1,5 kg e quindi è anche maneggevole e facile da sollevare. Con i tanti accessori in dotazione, potete pulire un po’ ovunque.  

 

Contro

Scalda un po’ ed è rumoroso: soprattutto d’estate tende un po’ a scaldare se usato a lungo. Non aspettatevi inoltre un aspirapolvere silenzioso.   

Clicca qui per vedere il prezzo

 

 

 

5. Ariete Handy Force 2761, scopa elettrica modulare con filo

 

Perché una scopa elettrica in una comparazione di aspirapolvere portatili? Perché, le scope elettriche a baricentro alto, cioè con il motore, il sistema di filtraggio e il contenitore della polvere in alto, in prossimità del manico, si trasformano in portatili rimuovendo semplicemente il tubo di prolunga e la spazzola principale.

Stessa possibilità riguarda la scopa elettrica ciclonica Ariete Handy Force 2761 che, grazie agli accessori in dotazione, si comporta bene in più di una situazione. Più nel dettaglio, si tratta di una scopa elettrica ciclonica con filo e senza sacco, pensata per non mettere limiti alla vostra voglia di fare pulizie in casa e fuori. Potete infatti usarla, in modalità portatile, anche in auto, ma considerate che la dotazione non prevede un tubo flessibile con il quale pulire sotto e intorno ai divani.

In auto, fissando la spazzola piccola o pennello o la lancia per le fughe, potrete pulire soltanto le parti a vista. L’ingombro dell’unità principale, non proprio trascurabile, potrebbe limitarvi un po’ nei movimenti nei piccoli abitacoli. 

 

Pro

Leggera e facile da svuotare: trasferire polvere e sporco dal contenitore della scopa alla pattumiera non vi farà perdere troppo tempo né vi costringerà a sporcarvi troppo le mani. Se necessario, potete anche staccare il contenitore e lavarlo sotto l’acqua. 

Tubo telescopico: nella fascia di prezzo cui appartiene la scopa elettrica Ariete non è scontato poter disporre di un tubo telescopico che si adatti alla statura di chi la utilizza. 

 

Contro

Manca il tubo flessibile: la mancanza, fra gli accessori, di un tubo flessibile si avverte soprattutto se, Ariete Handy Force 2761 alla mano, ci si sposta in macchina per pulire gli interni. È praticamente impossibile pulire sotto i divani. 

Clicca qui per vedere il prezzo

 

 

 

6. Black+Decker DVA325JP07-QW, aspirapolvere portatile senza fili con mini turbo-spazzola

 

Con una durata massima di circa 15 minuti (gli utenti sostengono tuttavia che l’autonomia reale tocchi addirittura la mezz’ora), l’aspirapolvere portatile Black+Decker sviluppa un’eccellente capacità aspirante, riuscendo a rimuovere oltre alla polvere, anche piccoli corpi solidi.

È l’unico dei modelli da noi trattati a consentire l’aggancio di una spazzola motorizzata che, grazie a un rullo interno con setole in gomma che ruota ad alta velocità, la renda particolarmente indicata nella cattura di peli di animali e capelli umani dagli imbottiti e dalle tappezzerie. Rimuovendo la spazzola motorizzata, si ottiene un aspirapolvere portatile da usare anche come aspirabriciole comodo e potente.

C’è però un aspetto da considerare, in virtù del quale l’aspirapolvere portatile Black+Decker richiede da parte di chi lo usa un minimo di intelligenza: il tempo di ricarica è di ben 16 ore. Fate in modo quindi che sia sempre al top della carica se non volete interrompere le pulizie per riprenderle il giorno seguente. 

 

Pro

Efficace su divani, poltrone e tessuti in genere: merito della mini turbo-spazzola motorizzata che permette all’aspirapolvere Bacl+Decker di rimuovere ogni pelo di animale. I risultati sono buoni anche sui tappeti.  

 

Contro

Dotazione scarsba di accessori: alla mini turbo-spazzola motorizzata non seguono altri accessori utili alla pulizia di casa. Qualcuno lamenta infatti la mancanza di una lancia per le fughe.

Tempo di ricarica e mancanza di preavviso: le 16 ore necessarie a una ricarica completa sono davvero tante. Sarebbe stato il caso di dotare l’aspirapolvere di una batteria al litio più performante. Sarebbe stato inoltre opportuno integrare un Led di avviso all’esaurimento energetico imminente.   

Clicca qui per vedere il prezzo

 

 

 

7. Bissell MultiClean 2278M, aspirapolvere portatile senza fili per tappezzerie e divani

 

Può considerarsi un buon acquisto se siete alla ricerca di un portatile che va oltre la rimozione delle briciole e dei residui di cibo dalla tovaglia. Lo si capisce anche dal prezzo che, mediamente, è più alto. L’aspirapolvere portatile Bissell trova infatti la sua naturale collocazione nel salotto di casa o negli interni dell’auto, in particolare per quanto riguarda i divani e gli imbottiti in generale.

Il suo reale punto di forza è la spazzola motorizzata, il cui rullo interno in setole rotanti cattura di tutto dalle superfici con le quali viene a contatto. La sua efficacia, oltre che con la polvere, è dimostrata in particolare con peli di animali e capelli. Va da sé che dopo alcuni utilizzi, la spazzola va districata da quella parte di peli raccolti e rimasti incastrati nelle sue setole.

L’autonomia dichiarata, confermata dalle recensioni dei vari utenti, è di circa 15 minuti mentre la batteria al litio ricaricabile, da 14,4 V, richiede 5 ore per fare il pieno di energia. 

 

Pro

Rimuove peli e capelli dai divani: la mini turbo-spazzola motorizzata è il fiore all’occhiello dell’aspirapolvere Bissell. Il rullo in setole rotanti cattura i peli e “li consegna” al flusso d’aria generato dall’aspirazione.

Contenitore della polvere: a fronte di un peso complessivo contenuto (1,36 kg), il contenitore vanta una capacità di 1,65 litri.  

 

Contro

Accessori simili fra loro: l’aspirapolvere a mano Bissell è venduto insieme a tre accessori. Due di questi sono lance per le fughe che si distinguono solo per la presenza di una luce LED. Una lancia sottile e flessibile, in grado di raggiunge anche i punti più difficili dell’auto, sarebbe stata gradita.   

Clicca qui per vedere il prezzo

 

 

 

8. Black+Decker DustBuster NVB115W, aspirabriciole puro senza filo

 

Potremmo definirlo un aspirabriciole puro, anche perché nella confezione non troverete alcun accessorio che possa renderlo idoneo ad altri impieghi. Vi sarà d’aiuto a fine pranzo o a fine cena, quando vorrete aspirare in pochi attimi briciole di pane e piccoli residui di cibo dalla tovaglia, anziché rimuoverli a mano, operazione per molti di noi fastidiosa.

La buona potenza che la batteria riesce a garantire al motore produce un’aspirazione efficace anche con le crocchette di cani e gatti. Al di fuori di questi ambiti, l’aspirapolvere portatile Black+Decker non assicura invece prestazioni soddisfacenti. Se si guarda la scheda tecnica, ci si imbatte in una batteria da 3,6 V, in un flusso d’aria di 630 litri/minuto e in un contenitore da 370 ml, di capacità quindi in linea con l’uso cui l’aspirabriciole è destinato.

Dal punto di vista costruttivo è nella media: qualche lamentela in merito alla solidità delle plastiche, da parte degli utenti, non manca.  

 

Pro

Nel complesso efficiente: se lo comprate per usarlo come aspirabriciole, apprezzerete la potenza di aspirazione e la durata della batteria (l’autonomia è di circa 7,5 minuti).

Si pulisce facilmente: il contenitore della polvere si sgancia dall’unità principale e si svuota facilmente. Il filtro si può anche lavare sotto l’acqua corrente. 

 

Contro

Interruttore a grilletto: è necessario tenere premuto il pulsante di accensione per tutto l’intervento di pulizia. Per molti utenti, ciò è causa di dolore al dito e alla mano.  

Bocchetta di aspirazione larga: come tutti gli aspirabriciole, anche quello di Black+Decker utilizza una bocchetta abbastanza larga. Va bene per aspirare le briciole dalla tovaglia o da altre superfici regolari, molto meno negli spazi ristretti. 

Clicca qui per vedere il prezzo

 

 

 

Come scegliere il miglior aspirapolvere portatile 

 

Quella degli aspirapolvere portatili è una categoria di prodotto molto vasta. L’insieme dei modelli che vi appartengono è composto da:

aspirabriciole puri

aspirapolvere portatili multifunzione

aspiratori con lampade UV per materassi e tappezzerie

aspirapolvere portatili con mini turbo-spazzole per chi vive in compagnia di cani e gatti

scope elettriche con o senza filo modulari (che si trasformano cioè in aspirapolvere portatili rimuovendo il tubo di aspirazione) 

minuscoli aspiratori ricaricabili via USB, adatti all’aspirazione veloce di tastiere per PC e dei divani dell’automobile. 

Nella guida mercato che state leggendo, abbiamo incluso cinque tipologie, tralasciando proprio quest’ultima. Siamo infatti convinti che basti non lasciarsi prendere dalle mode e spendere qualche euro in più per farsi spedire a casa un prodotto versatile, che non sia cioè limitato dal punto di vista pratico e delle prestazioni. Vi descriviamo le caratteristiche più importanti di ciascun tipo di aspirapolvere portatile, in modo che possiate scegliere quello che per voi è il miglior aspirapolvere portatile.     

Aspirabriciole puri e aspirapolvere portatili multifunzione

I primi sono cordless, ovvero alimentati da una batteria al litio ricaricabile. Ed è giusto così, visto che un aspirabriciole puro, cioè destinato quasi esclusivamente all’uso per cui è stato progettato, deve essere di uso immediato, pratico e veloce. Non sfigurano nella pulizia rapida di altre superfici, ma danno il meglio di sé dopo cena e dopo pranzo, per aspirare dalla tavola residui solidi come briciole di pane, pezzi di corteccia di frutta secca, semi di frutta, formaggio grattugiato e via dicendo. Sceglieteli di buona qualità, meglio se di potenza regolabile e con sistema di aspirazione e separazione della parte solida ciclonica. Un aspirabriciole dotato di batteria di lunga durata vi permette non solo di aspirare la tovaglia ma anche il piano di lavoro della cucina. Ci sono poi aspirapolvere portatili pensati per essere più versatili e per questo dotati di accessori speciali (potremmo definirli aspirabriciole multi-funzione), come il Distianert Vacuum C-IT014, senza fili, e il Clatronic HS 2631, con filo. Il primo, per esempio, mette a disposizione anche la funzione di soffiaggio, utile per rimuovere la polvere dalle fessure più strette (inaccessibile anche alla sottile lancia per le fughe) o per gonfiare palloncini, salvagenti e braccioli per bambini. Il secondo è invece un aspirapolvere portatile potente che, potendo contare sul cavo elettrico, può addirittura erogare una potenza di 700 watt, adatta a ogni tipo di pulizia. Prendete in considerazione i modelli multifunzione se già in partenza sapete di doverli usare anche fuori dalla cucina.

 

Aspiratori con lampade UV per materassi e tappezzerie

Fra gli aspirapolvere portatili, gli aspira-materasso sono quelli che meno si prestano ad altri utilizzi, in particolare alla pulizia delle superfici rigide. La bocchetta di aspirazione è infatti concepita per adattarsi agli imbottiti, ai tessuti e, più in generale, alle tappezzerie. Quasi sempre abbinano all’azione del motore aspirante quella luminosa di una lampada UV (a luce ultra-violetta) che sterilizza le superfici trattate eliminando gli acari della polvere. Di solito sono alimentati a muro, tramite filo, scelta che garantisce una pulizia profonda e, se serve, prolungata nel tempo. Avendo infatti una funzione (quasi) sanitaria oltre che di mera pulizia, la possibilità di pulire senza fretta assume un’importanza notevole. 

 

Aspirapolvere portatili con mini turbo-spazzole

Non tutte le aziende li propongono, ma se avete in casa animali che perdono pelo, coma cani, gatti e furetti, la mini turbo-spazzola si rivelerà ben presto una benedizione. Per capire cosa intendiamo, date un’occhiata ai modelli Black+Decker DVA325JP07-QW eBissell MultiClean 2278M che abbiamo incluso in questo lavoro di comparazione. Trattasi di una bocchetta di aspirazione di forma rettangolare con all’interno un rullo in setole che ruota velocemente, quindi motorizzato. Agendo a contatto con le superfici, in particolare con i divani, le poltrone, le coperte dei letti e ogni altro tessuto, cattura peli e capelli trasferendoli (in parte) nel contenitore della polvere. La loro utilità è indiscutibile sui tappeti a pelo duro difficili da trattare con la sola aspirazione.

C’è però da considerare il rovescio della medaglia: la spazzola rotante si riempie di peli e capelli e va pulita frequentemente. Dovrete farlo a mano, aiutandovi con delle forbici o con lo strumento a pettine che a volte le case produttrici includono nella loro dotazione.   

Scope elettriche cicloniche con o senza filo modulari

C’è un motivo ben preciso se in un articolo dedicati agli aspirapolvere portatili abbiamo incluso delle scope elettriche cicloniche a baricentro alto, ossia con il contenitore raccogli-polvere, il motore e il filtro posti in alto, in prossimità del manico. Basta infatti rimuovere il tubo di aspirazione, quello che cioè unisce l’unità principale alla spazzole per trasformare la scopa elettrica in un aspirapolvere portatile. La dotazione di accessori che di solito accompagna questo genere di prodotto, fa sì che vi ritroviate anche un portatile molto versatile. Disporrete infatti di spazzole motorizzate grandi e piccole, lance per le fughe, bocchette per i divani e via dicendo. Alla stessa categoria di scope elettriche senza sacco appartengono modelli cordless, quindi a batteria ricaricabile, e modelli con filo, da alimentare cioè collegandoli alla presa elettrica a muro.    

 

 

 

Domande frequenti 

 

Quali differenze intercorrono fra aspirapolvere portatili tradizionali e modelli ciclonici?

Premesso che nel segmento di mercato degli aspirapolvere portatili esistono ancora entrambi i tipi, quelli ciclonici sfruttano il percorso rotatorio dell’aria in ingresso per separare la polvere (e lo sporco in generale) e farla accumulare sul fondo del contenitore cilindrico. È la forza centrifuga che si esercita sui granelli solidi, in realtà, la responsabile di questa separazione. Di contro, gli aspirapolvere portatili tradizionali sfruttano l’effetto barriera che produce il filtro interposto fra bocchetta di aspirazione e motore per bloccare lo sporco e farlo depositare nella tanica di raccolta. Le differenze di prestazioni tra un tipo di aspirazione e l’altra sono in realtà più evidenti negli aspirapolvere di grandi dimensioni, riducendosi di molto se non annullandosi in quelli portatili. È possibile però affermare che gli aspirapolvere ciclonici – e questo vale anche per i modelli portatili – esercitano un effetto di separazione più marcato, rilasciando nell’ambiente aria più pulita di quanto facciano i modelli tradizionali. E che quelli tradizionali richiedono una maggiore manutenzione: il filtro tende a sporcarsi e a intasarsi di polvere molto velocemente, richiedendo una frequente pulizia e, quando serve, la sostituzione. In caso contrario, l’aspirapolvere perde in efficienza e quindi in potere aspirante.  

 

Meglio un portatile ricaricabile o uno a filo?

Questa è la domanda più frequente che i lettori ci pongono quando si parla di aspirapolvere, non solo di portatili. E sempre rispondiamo che il miglior aspirapolvere in assoluto non esiste, ma che ogni modello, con filo o cordless, va valutato in funzione dell’uso che se ne intende fare. Se state acquistando il portatile per aspirare briciole e resti di cibo dopo aver pranzato o cenato, un cordless è decisamente più comodo. A patto che sia sempre carico, quindi pronto all’uso, basta sfilarlo dalla sua base e utilizzarlo. Se invece intendete ogni settimana eseguire una pulizia di fino degli interni della vostra autovettura, un portatile con filo può rappresentare la migliore soluzione. Il non essere vincolati alla durata della batteria e ai suoi tempi di ricarica aiuta a fare le cose per bene e con la dovuta calma.  

 

Esistono aspirapolvere portatili con funzioni speciali? 

Prima di rispondere, spieghiamo quali potrebbero essere le funzioni speciali di un aspirapolvere portatile. La prima è senza dubbio la capacità di soffiare aria. Non è dovuta all’inversione di rotazione del motore, ma alla possibilità di godere dell’aria soffiata all’estremo opposto di quello in cui si trova la bocchetta di aspirazione, in altri termini dall’altra parte del motore. I modelli del nostro articolo a esserne dotati sono il Black+Decker DVA325JP07-QW e il Bissell MultiClean 2278M. È molto utile perché permette di spostare lo sporco dai punti inaccessibili all’aspirapolvere a quelli a cui invece è facile arrivarvi. La seconda funzione speciale si individua nella presenza di una lampada UV (a luce ultra-violetta) in grado di eliminare gli acari della polvere. Questa funzione è tanto utile quanto limitata ai soli modelli di aspirapolvere portatile che rispondono alla definizione di “aspira-materasso”. La terza funzione speciale sta nella capacità di aspirare anche i liquidi. Non è indispensabile e secondo noi andrebbe utilizzata solo se strettamente necessario. Aspirare i liquidi significa infatti bagnare il filtro che va così rimosso, lavato e fatto asciugare. Un’altra funzione speciale è quella di illuminazione e si esplica mediante luci a Led posizionate sulle spazzole o sulle bocchette. Sono davvero pochi i modelli portatili a poterla vantare: un esempio è dato dal (costoso) Bissell MultiClean 2278M. È utile quando si pulisce in penombra poiché permette di individuare più facilmente i punti in cui si accumula lo sporco.  

 

 

 

Come utilizzare al meglio un aspirapolvere portatile 

 

A seconda che abbiate comprato un aspirapolvere portatile con filo o a batteria, i suggerimenti da seguire per usare il vostro nuovo elettrodomestico al meglio sono differenti. Se infatti per la prima categoria (aspirapolvere portatile con filo) va fatta attenzione ai filtri e alla loro periodica pulizia, per la seconda categoria (aspirapolvere portatili ricaricabili), oltre a fare la giusta manutenzione dei filtri, vanno adottate precauzioni d’uso della batteria al litio, affinché dia il meglio di sé nel breve e nel medio termine. Trattiamo gli argomenti più nel dettaglio.  

Filtri sempre puliti per respirare aria sana e disporre della massima potenza di aspirazione

Se guardate la struttura di un qualsiasi aspirapolvere portatile, sia esso con filo o a batteria, noterete la presenza di un sistema di filtraggio a più stadi. Indispensabile al motore, perché evita che la polvere e lo sporco che aspirate finiscano nei suoi ingranaggi, danneggiandolo, fa anche sì che l’aria che fuoriesce dall’aspirapolvere e viene immessa nuovamente nell’ambiente (la vostra casa) sia pulita e sana da respirare. Pensate a quanto sarebbe insalubre respirare nuvole di polvere a ogni pulizia. Ciò per dirvi quanto importante sia pulire i filtri a prescindere dal modello di aspirapolvere da voi scelto (sia esso uno dei più venduti online, oggetto di offerte o meno).
I filtri si possono sempre rimuovere dalla loro sede. Potete pulirli scuotendoli, aspirandoli, trattarli con una bomboletta ad aria compressa e, se il modello di aspirapolvere da voi acquistato lo consente, lavato sotto l’acqua corrente. Ricordate sempre che dopo il lavaggio, il filtro va rimesso in sede solo quando è completamente asciutto. Vi consigliamo quindi di lasciarlo asciugare a temperatura ambiente per almeno 24 ore.

Ci sono filtri Hepa, filtri in carta, filtri in spugna, piani, plissettati, etc… Molti aspirapolvere ne possiedono più d’uno: tutti vanno trattati e di tutti va mantenuta alta l’efficienza. Se il colore o l’aspetto ve lo suggeriscono, sostituiteli con filtri nuovi. Se non sapete dove acquistare, cercateli direttamente online e risparmierete tempo e soldi.

Pulire con buona periodicità i filtri non è soltanto una questione igienica e di salute. Un filtro sporco e intasato riduce notevolmente la potenza di aspirazione. È come se l’aria in ingresso attraverso la spazzola o la bocchetta subisse un effetto barriera nell’attraversare e uscire dall’aspirapolvere. Non fatevi quindi prendere dalla pigrizia e pulite con buona frequenza i filtri. Se serve, come già detto, sostituiteli con dei nuovi.      

Tenete sempre in carica la batteria agli ioni di litio

Non sempre gli aspirapolvere portatili a batteria ricaricabile sono dotati di base di appoggio che faccia anche da stazione di ricarica. Quelli proposti a prezzi bassi vanno semplicemente collegati al caricabatteria proprio come fareste con uno smartphone o una fotocamera digitale. Il suggerimento della case produttrici e di chi si intende di batterie ricaricabili è quello di tenere le stesse sempre in carica. Otterrete almeno due vantaggi. Da un lato la batteria durerà più a lungo (prestandosi a più cicli di carica/scarica), dall’altro disporrete di un aspirapolvere con il massimo dell’autonomia. Se non seguite questo consiglio, vi succederà di non poter pulire, proprio quando serve, perché l’aspirapolvere portatile sarà scarico.   

 

 

Sottoscrivere
Notifica di
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments